Diario

Zafferana Etnea: luogo ideale per scrittori

Relax

Concedersi un fine settimana di relax staccarsi dalla vita quotidiana, divertirsi, fare qualcosa di diverso.

Bene, è stato fatto!

Mia figlia ci chiedeva da un po’ di tornare in un hotel a Zafferana Etnea, Esperia Palace e noi, per festeggiare il compleanno di mio marito, l’abbiamo accontentata. Non so perché le attira quel posto, lei dice per il giardino, io credo sia il distacco dalla sua  quotidianità.

Intanto ha dormito da sola nel suo lettino senza fare storie.

Poi girava per i corridoi e i viali come se fosse la padrona salutando tutti.

In piscina ha fatto un po’ di caciara, ma lei se non si fa sentire non è contenta.

Zafferana Etnea

Zafferana Etnea è un posto che ci piace parecchio e amiamo andare lì soprattutto d’estate, magari per una passeggiata o per vedere qualche concerto. La specialità della zona è la Siciliana, una pizza chiusa e fritta.

Il paese è molto accogliente, tipico centro di montagna, frequentato soprattutto da turisti.

Ogni tanto penso a come sarebbe vivere lì. Mi attira, mi piace tanto questo luogo. In un posto del genere dove sei a contatto con la montagna, i suoi profumi e i suoi sapori e poi ammirare il golfo di Catania, potresti viverci bene. Immagino un tipico scrittore che cerca rifugio in quelle zone per scappare dalla vita frenetica di una città e potersi dedicare al suo ultimo lavoro. Chissà magari in passato sarà anche successo.

 

Catania, Diario

In giro per Catania: visita al Castello Ursino

Lunghe passeggiate

Ho scoperto che mia figlia ha una passione smodata per le lunghe passeggiate. Quindi ne sto approfittando e durante i ponti (non sempre si può andare via da Catania) mentre papà lavora e la bimba è con me, ho deciso di portarla a visitare qualche posto di questa meravigliosa città.

Prima tappa è stato il castello Ursino, dove ci sarà sino a domani 3 maggio, la mostra a Andy Warhol.

Una lunga passeggiata che ha divertito molto quei piedini mai stanchi. Arrivate al Castello abbiamo scoperto che la mostra si tiene al terzo piano e si può anche ammirare un’altra mostra, quella de L’Istinto della formica-arte moderna delle collezioni benedettine dai depositi del castello.

Il castello su di me ha un fascino indescrivibile.

Avevo già visitato una mostra su Warhol quando ancora ero all’università, ritornare è mi ha quasi emozionata, anche se la mostra era diversa, come diverso è il castello, che è stato ristrutturato da qualche anno. Ho spiegato a mia figlia di non toccare le opere e di fare la buona. Pensavo avesse combinato qualcosa, invece è stato attenta e giudiziosa.

La futura Pittrice

Dice che da grande farà la pittrice e ha voluto che le spiegassi tutte le opere che vedeva. Arrivati all’ultimo piano, quello dedicato a Warhol, si è spazientita: aveva fame e forse era un po’ stanca. Dice che non le piace l’artista, ha preferito la mostra ai piani bassi.

Quindi siamo scese e fuori ci siamo riposate, lei mangiava e io cercavo di farle delle foto. Le ho detto più volte che le foto servono per “ricordo”, un giorno vorrà sapere qualcosa di questa nostra vita e le farò vedere la nostra quotidianità. Ma se continua a scappare avrà solo ricordi sfuocati!

20170418_143502

Foto: archivio personale!